camminare OUTDOOR PARCO TREKKING  ALPI LIGURI ALTA VIA DEI MONTI LIGURI

liguria,  PROVINCIA DI IMPERIA MONTE SACCARELLO REDENTORE ESCURSIONISMO

 

Da Triora (776 m) transitando lungo la strada sterrata si raggiunge il passo della Guardia (1461 m) dove converge la ex strada militare che si sviluppa sul versante meridionale del M. Fronté e del M. Saccarello, collegando il colle del Garezzo con il passo di Collardente. Svoltando a destra si stacca una mulattiera che si inerpica al passo Garlenda (2021 m), valico che si apre sul displuvio tra la valle Argentina e la val Tanaro. Dalla dorsale, tenendo come punto di riferimento l’Alta Via dei Monti Liguri, si avanza verso ponente toccando il M. Cimonasso (2065 m), il rifugio Sanremo (2054 m), la cima Valletta (2064 m), Punta Santa Maria (2138 m) sino al M.Saccarello (2201 m). Allontanandosi dalla cima dell’importante nodo oro-idrografico, posto tra le valli Argentina, Tanaro, e Roja, si prosegue per circa 700 metri in direzione del passo Tanarello (2042 m), per immettersi su un sentiero a sinistra che in ripida discesa si adagia al passo di Collardente (1601 m). Non resta che percorrere i 7 km che separano questo colle al passo della Guardia; si è infatti ritornati sulla medesima strada militare lasciata all’inizio dell’escursione. Quest’ultimo tratto permette di osservare le spettacolari rupi rocciose del versante sud del M. Saccarello, dove osservando con attenzione è possibile avvistare camosci, marmotte e vedere volteggiare nel cielo diversi tipi di rapaci, tra i quali la rara aquila reale. Testo e Foto © Enrico Bottino

trekking al Monte Saccarello da Passo della Guardia

Copyright 2010 © Creatività Enrico Bottino - Tutti i diritti riservati - All rights reserved

mailto:enrico.bottino@libero.it?subject=Desidero%20ricevere%20le%20newsletter%20di%20Trekking%20in%20Liguria
NEWSLETTERmailto:enrico.bottino@libero.it?subject=Desidero%20ricevere%20le%20newsletter%20di%20Trekking%20in%20Liguriamailto:enrico.bottino@libero.it?subject=CONTATTIshapeimage_2_link_0

PROVINCIA: IMPERIA

AMBITO TERRITORIALE: ALTA VALLE ARGENTINA

LOCALITA’ DI PARTENZA: Passo della Guardia

LOCALITA’ DI ARRIVO: Monte Saccarello


MAPPAEscursione_Antola_da_Casa_del_Romano_GPS.htmlEscursione_Antola_da_Casa_del_Romano_GPS.htmlshapeimage_4_link_0

DIFFICOLTÀ:  E

DISLIVELLO: + 300 metri

TEMPO DI PERCORRENZA:  2 ore

PERIODO CONSIGLIATO:  primavera, estate, autunno

CARTOGRAFIA IGC nr 14 - scala 1:50.000

EDM 1:25.000 IM5 Triora e Alta Valle Argentina

Escursione Monte Saccarello

TREKKING IN LIGURIA

COME ARRIVARE 

Autostrada dei Fiori A10 Genova-Ventimiglia, uscita di Arma di Taggia, segue la Ss. 548 per Triora; poco prima di Molini di Triora si stacca, a sinistra, la Sp. 26 per Colle Langan (vi si giunge anche da Ventimiglia risalendo la Val Nervia) e Colla Melosa. Da Molini di Triora segue la 52 fino a Triora (a 30 Km da Arma di Taggia); la Sp. 81 fiancheggiando la gola di Loreto conduce a Creppo, Realdo e Verdeggia. Itinerari accessibili solo con mezzo proprio.

IN VETRINA: VAL TANARELLO

Il torrente Tanarello nasce dalle pendici del Monte Saccarello (2201 m) e si unisce al Rio Negrone generando il maggior affluente di destra del Po: il Tànaro. In primavera un sistema di canali sotterranei naturali, originati dalla natura carsica del territorio, dà origine a spettacolari risorgenze come quella della Gola delle Fascette dove l’acqua sparisce nell’inghiottitoio del “Garb del Butaù” per poi ricomparire più a valle nel “Garb d’la Fus”. La località più importante della Val Tanarello è Mònesi di Triora, stazione sciistica raggiungibile dalla vicina alta Valle Arroscia, dove è possibile praticare lo sci da discesa e altri sport invernali grazie agli impianti di risalita e a una rete di piste che si sviluppa per una trentina di chilometri.


IN VETRINA: MONESI

Immersa nella selvaggia Val Tanarello, Mònesi è una frazione di Triora - in Valle Argentina - agevolmente raggiungibile dalla vicina Valle Arroscia. Il paese riveste un ruolo strategico nell’economia turistica delle alte Valli Argentina e Arroscia, grazie agli impianti e alle piste da sci situati sul versante nord del Saccarello, dalla cui vetta la statua del Redentore unisce simbolicamente i due bacini imperiesi e, dal 1901, sorveglia e protegge la Liguria. C’é da auspicarsi che il boom degli anni passati abbia ulteriori sviluppi per contribuire alla valorizzazione del territorio e allo sviluppo turistico delle alti valli Argentina e Arroscia.



MAPPAEscursione_Monte_Saccarello_Passo_Guardia_GPS.htmlEscursione_Badia_del_Tiglieto_GPS.htmlshapeimage_18_link_0