camminare OUTDOOR PARCO DELL’ANTOLA TREKKING  SENTIERO CASTELLANI VOBBIA

Liguria  PROVINCIA DI GENOVA CASTELLO DELLA PIETRA VALLE SCRIVIA ESCURSIONISMO

 
Trekking_in_Liguria_Home_page.html
ITINERARI_TREKKING_LIGURIA.html
BORGHI_LIGURIA_TREKKING.html

HOMETrekking_in_Liguria_Home_page.htmlTrekking_in_Liguria_Home_page.htmlshapeimage_4_link_0

ITINERARIITINERARI_TREKKING_LIGURIA.htmlITINERARI_TREKKING_LIGURIA.htmlshapeimage_5_link_0

LIGURIAVALLI_E_LITORALE_LIGURIA_TREKKING.htmlVALLI_E_LITORALE_LIGURIA_TREKKING.htmlshapeimage_6_link_0
BORGHI BORGHI_LIGURIA_TREKKING.htmlBORGHI_LIGURIA_TREKKING.htmlshapeimage_7_link_0

E. BOTTINOhttp://www.icoloridellaliguria.it/www.icoloridellaliguria.it/enrico_bottino_Photo_LIGURIA.htmlPHOTOGALLERY/PHOTOGALLERY.htmlshapeimage_8_link_0
PHOTOGALLERY/PHOTOGALLERY.html
http://www.icoloridellaliguria.it/www.icoloridellaliguria.it/ENRICO_BOTTINO.html

IMMAGINIPHOTOGALLERY/PHOTOGALLERY.htmlPHOTOGALLERY/PHOTOGALLERY.htmlshapeimage_11_link_0

E. BOTTINOhttp://www.icoloridellaliguria.it/www.icoloridellaliguria.it/ENRICO_BOTTINO.htmlPHOTOGALLERY/PHOTOGALLERY.htmlshapeimage_12_link_0
mailto:enrico.bottino@libero.it?subject=Desidero%20ricevere%20le%20newsletter%20di%20Trekking%20in%20Liguria
NEWSLETTERmailto:enrico.bottino@libero.it?subject=Desidero%20ricevere%20le%20newsletter%20di%20Trekking%20in%20Liguriamailto:enrico.bottino@libero.it?subject=CONTATTIshapeimage_14_link_0
MONTI 
LIGURIALTA_VIA_MONTI_LIGURI.htmlALTA_VIA_MONTI_LIGURI.htmlALTA_VIA_MONTI_LIGURI.htmlshapeimage_15_link_0shapeimage_15_link_1
AVALTA_VIA_MONTI_LIGURI.html
mailto:enrico.bottino@libero.it?subject=Contatti%20con%20Trekking%20in%20Liguria

CONTATTImailto:enrico.bottino@libero.it?subject=CONTATTImailto:enrico.bottino@libero.it?subject=CONTATTIshapeimage_18_link_0

PROVINCIA: GENOVA

AMBITO TERRITORIALE: VAL VOBBIA

LOCALITA’ DI PARTENZA: Località Torre (490 m), Vobbia

LOCALITA’ DI ARRIVO: Castello della Pietra

LUNGHEZZA: 4 Km

SEGNAVIA: FIE Croce gialla

ADATTO A FAMIGLIE E BAMBINI

Sulla provinciale che unisce Isola del Cantone a Vobbia si può scorgere un capolavoro di architettura castellana ligure: il castello della Pietra. Anche se le mura si trovano strette tra due alti pinnacoli di puddinga, l’appellativo dell’architettura difensiva medioevale deriva dal nome della famiglia “della Pietra” che ne fu proprietaria fino al 1518, anno in cui il maniero passò agli Adorno. Grazie all’intervento dell’amministrazione provinciale, il castello della Pietra è dal 1993 visitabile negli ambienti interni. Sono state riportate alla luce cisterne, segrete, camini, nicchie, scale, l’ampia sala coperta a vela e i camminamenti con le finestre a strombo aperte sulla valle. Un nido d’aquila facilmente raggiungibile dalla strada (SP 8) in circa 20 minuti lungo un facile sentiero, ma che in questa pagina raggiungeremo grazie ad un sentiero dai forti contenuti storici e culturali, come è evidenziato dalle carbonine e dai seccherecci che si incontrano lungo l’itinerario, inizia presso un pannello didattico, in loc. Torre (490 mt), a poche centinaia di metri da Vobbia.


Descrizione

Guadato il rio Greuse su un ponticello, si sale a un punto panoramico, il Poggetto, dove una torre di avvistamento comunicava direttamente con il Castello della Pietra, nodo di congiunzione tra il porto della Superba, i feudi dell’Appennino e le terre della Pianura.


Per ricevere gratuitamente la descrizione completa del percorso scrivi a enrico.bottino@libero.it specificando il nome dell’itinerario.



Sempre nella penombra del bosco misto – e seguendo il segnavia croce gialla – si procede in piano tra belle fioriture di orchidee e affioramenti tipici dei Calcari di Monte Antola. Lungo la via si incontra un secchereccio, chiamato in dialetto “kasine da foeggia”, oppure “abergu”, dove le castagne venivano poste su un graticcio ad essicare. Il luogo documenta lo stretto legame che c’era tra la popolazione e le risorse locali rappresentate soprattutto dal castagno. L’achenio veniva raccolto in autunno e, fino agli anni ‘50, vigeva una vera e propria regolamentazione della “castagnadura”:

in molti paesi il parroco annunciava la “banditura” e da quel giorno i proprietari dei castagneti, insieme alle “raccoglitrici” (alle quali spettava vitto, alloggio e un quintale di farina dolce) davano inizio alla raccolta.

Nel bosco di carpini e frassini è facile riconoscere le carbonine, ossia una piazzola pianeggiante dove era allestita la “carbunea” per produrre carbone di legna: un grande cono di tronchi ricoperti da foglie e torba, posati attorno a un camino che consentiva l’accensione del fuoco e la sua lenta combustione.

Sempre in piano si attraversa il bosco, dove tra la vegetazione si aprono rare finestre sulla valle, che man mano si fa sempre più stretta e incassata: ai Calcarli di Monte Antola subentrano ora i conglomerati, una roccia sempre di origine sedimentaria ma che conferisce al paesaggio un aspetto più spettacolare, formato da strette gole con alte e aspre pareti, torri e pinnacoli di roccia scura a strapiombo, ideali per la nidificazione del falco pellegrino.

Il Vobbia prima di confluire nello Scrivia ha scavato nel tempo uno spettacolare canyon attraversato dalla provinciale che giunge a Isola del Cantone. Si perde ora quota verso il rio Ronchetti che si scavalca facilmente grazie a un ponticello in legno, per poi riprendere a salire fino ad un privilegiato punto panoramico sul Castello della Pietra. Attraversata una zona umida ricca di felci si affronta l’ultimo tratto del sentiero in salita, fino ad incontrare un’area attrezzata per pic-nic e giungere al più originale dei manieri che durante l’epoca dei feudi imperiali dominavano le valli risalenti verso il Monte Antola. Per informazioni su modalità di accesso al Castello, periodo e orari di apertura: Ente Parco dell’Antola, tel. 010 944175 - e-mail info@parcoantola.it


Testo e Foto © Enrico Bottino

trekking Castello della Pietra e il Sentiero dei Castellani

Copyright 2010 © Creatività Enrico Bottino - Tutti i diritti riservati - All rights reserved

DIFFICOLTÀ:  T

DISLIVELLO: 180 metri

TEMPO DI PERCORRENZA:  2 ore

PERIODI CONSIGLIATO:  primavera/estate/autunno

CARTOGRAFIA: IGC nr 16 - Scala 1 : 50/000

EDM 1:25.000 GE5 Alta Valle Scrivia

Escursione Sentiero dei Castellani

TREKKING IN LIGURIA

COME ARRIVARE 

Dall’autostrada A7 Genova-Milano, uscita Busalla, segue SP9 per Crocefieschi. Giunti a Vobbia e superato il ponte sul torrente Vallenzona, si raggiunge in breve la località Torre. Per chi proviene da Nord, autostrada A7, uscita Isola del Cantone (A7), segue la SP8  per Vobbia. In treno: dalla stazione ferroviaria di Busalla, coincidenza con il servizio extraurbano per Vobbia.

IN VETRINA: IL CASTELLO DELLA PIETRA

Dal punto panoramico delle Rocche del Reopasso si ammira questo insolito e affascinante connubio di ardita architettura umana e di natura. Il suo profilo si staglia sul solco della Val Vobbia, racchiuso fra due guglie di conglomerato compatto corre un muro in pietra, impenetrabile in passato ai nemici e oggi ben visibile ai turisti. La costruzione di questa rocca cominciò nel Medioevo, ma nel corso dei secoli il maniero cambiò molti proprietari finché, con il decreto di Napoleone, che sanciva la fine dei feudi imperiali, la struttura cadde in disuso, riducendosi a poco più di un rudere. Un intelligente restauro lo ha riportato al suo antico splendore rendendolo sede ideale per rappresentazioni teatrali, concerti, sagre e mostre.